L’escursione in barca a remi nella RISERVA NATURALE DI VAN LONG

IMG-20160510-WA0010

Una delle particolarità del tour del Vietnam è la possibilità di cimentarsi nelle attività di vario genere: dai giri in bici, in barca o in motorino, fino al tentativo di cucinare insieme ai locali o passare la notte sulla giunca. Così, una volta lasciata la caotica Hanoi, si parte verso la provincia di Ninh Binh. La giornata prevede una biciclettata, di cui ho scritto nel mio post precedente, nonché un’escursione in barca a remi nella riserva naturale di Van Long. Sono abbastanza in smania. Sarà la mia prima esperienza del genere e non vedo l’ora.

DSCN0879DSCN0954

Circondata da spettacolari pinnacoli calcarei, questa meraviglia naturale si trova nel distretto di Gia Vien, lungo il confine nordorientale della provincia di Ninh Binh. Nei sette comuni che compongono questo distretto, gli abitanti hanno da sempre sfruttato le risorse naturali del posto, coltivando i campi di riso e vivendo di pesca. La foresta forniva loro le sostanze medicinali, il cibo e alti prodotti commerciabili. Grazie al coinvolgimento della popolazione nell’attività turistica, il pericolo di danni ambientali causati dall’uomo oggi è stato notevolmente ridotto, ma tuttavia non del tutto eliminato.

DSCN0965

La riserva di Van Long comprende una zona umida ricca di canneti, ideale per praticare il birdwatching. Nel suo interno si possono avvistare alcuni esemplari rari, come la spatola faccia nera e oca pigmea. Il luogo è inoltre uno degli ultimi rifugi del presbite di Delacour (una specie di scimmia in pericolo di estinzione). Questo è il motivo principale che ha portato il governo a lavorare sulla sua tutela di protezione, coinvolgendo la popolazione locale che sopravive grazie agli introiti del turismo e allo stesso tempo collabora alla sua conservazione. Le persone che vivono nella riserva sono circa 1700 e si occupano di agricoltura e di allevamento del bestiame. Le barche a remi sono guidate principalmente dalle donne, mentre gli uomini lavorano maggiormente nei campi.

DSCN0872

All’arrivo ci attendono diverse barche, ciascuna può accogliere soltanto due di noi. Così formiamo le copie in fretta e saliamo sulle barche. La conducente vietnamita mi fa capire che dobbiamo sederci in mezzo all’asse centrale di legno, per garantire l’equilibrio all’imbarcazione. Mentre ci addentriamo lentamente alla scoperta di questa meraviglia, scorgo sulla destra la fabbrica di cemento che, da quello che poi vengo a sapere, non solo deturpa il panorama ma mette in pericolo la salvaguardia di questo luogo. L’acqua è di colore verdastro scuro e di qua e di la si intravede qualche azzurra libellula. Le formazioni rocciose sono bellissime. Descrivere la perfezione di quello che si vede è difficile perché le parole non possono esprimere l’armonia e la bellezza di queste immagini. Noi, che passiamo le nostre giornate nelle città, abbiamo quasi perso il contatto con la natura. Ogni volta che mi capita la fortuna di poterla vivere, ho la sensazione di un ritorno alle origini. Come se, nel profondo del mio essere, fosse nascosta quella parte incontaminata, selvaggia e completamente simbiotica con gli elementi naturali dell’universo…  Mentre navighiamo lungo il fiume, incontriamo altre barche con i turisti che arrivano dalla direzione opposta. Dopo un po’ raggiungiamo una grotta. La sua formazione rocciosa e irregolare e completamente buia all’interno. La vista verso l’esterno poi è un qualcosa di spettacolare.

DSCN0930DSCN0939Ci viene offerto soltanto un breve assaggio panoramico di questo luogo che merita davvero di essere salvaguardato. I problemi da affrontare sono tanti. Alcuni locali hanno venduto le loro terre ai costruttori degli alberghi e si sono dedicati al turismo. Se per qualsiasi motivo il turismo dovesse fermarsi, loro e le loro famiglie resterebbero senza i mezzi di sostentamento. I fondi stazionati per la salvaguardia della riserva non sono distribuiti in modo equo ne costantemente. Lo sviluppo commerciale ed eccessiva presenza dell’uomo industrializzato nella zona potrebbero ulteriormente compromettere l’integrità della riserva e la sua biodiversità.

DSCN0960DSCN0884

A quanto pare, ovunque vai, ovunque ti giri, tutto il mondo è un paese. Anche Van Long, purtroppo, potrebbe restare vittima del proprio successo. Nella speranza che questo non accada, se vi capita di soggiornare in Vietnam, visitate la riserva e nel vostro piccolo adottate i principi che abbiamo il dovere di adottare tutti: quelli del turismo responsabile. Perché questa terra è nelle nostre mani e dobbiamo salvaguardarla.

INFO UTILI: l’escursione è naturalmente a pagamento. Sono gradite le mance. E’ consigliato un cappello per proteggersi dal sole.

Photo © Mira Krizman

All Rights Reserved

Annunci

10 commenti Aggiungi il tuo

    1. mirakriz ha detto:

      Si, Donato, in Vietnam è tutto così. ..emozionante. ..

      Piace a 1 persona

  1. Ilaria Battaini ha detto:

    Capisco bene il problema di cui parli, Mira! Purtroppo in questi paesi poveri ancora più che altrove (ma devo dire che purtroppo anche in Italia abbiamo fatto – e continuiamo a fare – la nostra bella parte), la salvaguardia dell’ambiente passa spesso in secondo piano di fronte alle lusinghe del denaro, che spalancano le porte alle colate di cemento… In Vietnam, credo che questo problema sia ancora abbastanza contenuto (o mi sbaglio?), io che frequento da anni l’isola di Phuket (in Thailandia) per motivi familiari, posso dirti che mi piange il cuore vedere come, anno dopo anno, quell’isola un tempo bellissima, viene deturpata e soffocata dal cemento! Niente mi emoziona e mi riempie di energia quanto la Natura; e niente mi addolora quanto vederla violentata e distrutta dall’uomo!

    Piace a 1 persona

  2. mirakriz ha detto:

    Grazie Ilaria, per tuo commento. Hai descritto benissimo quello che succede ovunque nel nome del denaro… a noi non rimane altro che cercare di fare la nostra parte… nel nostro piccolo…

    Mi piace

  3. Karen Saler ha detto:

    Favolosa! Adesso ci voglio andare anch’io, ma sono sicura che quella barca non rimanera
    sull’aqua..ma sotto con me !

    >

    Mi piace

    1. mirakriz ha detto:

      Ma va… guarda che due persone “in carne” 😎 le tiene!!!! Guarda me…

      Mi piace

  4. panamatoliveblog ha detto:

    Fantastico… Molto Avventuroso

    Piace a 1 persona

    1. mirakriz ha detto:

      Grazie!

      Piace a 1 persona

  5. bellonifederico ha detto:

    Ciao, il Vietnam è uno dei miei “sogni di viaggio”…spero di poterlo realizzare presto.

    Mi piace

    1. mirakriz ha detto:

      Te lo auguro perche’ merita veramente. Ciao!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...